miliziaceleste

Blog sulla Chiesa, per la Chiesa e con la Chiesa

Magdi Allam lascia la Chiesa… qualche perplessità personale.

magdi-papa_530X0_90

Magdi Allam in un comunicato decide di lasciare la Chiesa perché, secondo lui, troppo debole nei confronti dell’Islam e del relativismo.

Diciamo la verità: a Magdi non è piaciuta l’elezione di Francesco!

Affermare l’abbandono della Chiesa significa non aver compreso nulla della Chiesa, perché la Chiesa non è il Papa ma il Corpo mistico di Cristo del quale lui come credente e battezzato ora appartiene.

Criticare il Papa per un cattolico significa non condividere quella libertà dello Spirito Santo che opera delle scelte indipendentemente dai nostri umani pensieri. Lui parla di “papolatria” che a suo dire si è scatenata con l’elezione di Bergoglio ma la sua “venerazione sconsiderata” per Benedetto XVI – le cui dimissioni hanno suscitato in lui queste decisioni – come dovrebbe allora essere chiamata?

Caro Allam, anche la tua manifestazione di dissenso rivela una “papolatria”!

In ogni caso il nostro Magdi può fare e dire quello che crede ma ha formulato delle affermazioni che mi lasciano un po’ perplesso per la “cattolicità” del suo pensare: come può un cristiano, che si dice credente, denunciare la dittatura del relativismo e affermare nello stesso tempo la frase che ora cito per esteso:

prendo atto che la Chiesa è fisiologicamente tentata dal male, inteso come violazione della morale pubblica, dal momento che impone dei comportamenti che sono in conflitto con la natura umana, quali il celibato sacerdotale, l’astensione dai rapporti sessuali al di fuori del matrimonio, l’indissolubilità del matrimonio, in aggiunta alla tentazione del denaro.

 Magdi, Magdi… non hai capito nulla e nella dittatura del relativismo ci sei in pieno!

Forse pensavi che la Chiesa potesse portare avanti la tua “jihad” personale nei confronti dell’Islam ma la Chiesa non può che mettersi in dialogo con l’Islam e dovresti ben sapere che il dialogo è confronto costruttivo e non condivisione dei valori. Nessun Papa ha mai affermato che dobbiamo condividere i valori dell’Islam e non lo ha fatto nemmeno Francesco; ma nessun Papa ha mai comunicato la necessità di fare guerra ad una religione, o almeno nessun Papa attuale. Certo se andiamo nel medioevo quando la Chiesa era anche potere temporale diviene ovvio introdurre nel discorso religioso anche la guerra e la lotta armata ma con il Concilio Vaticano II abbiamo fatto altre riflessioni e … un Concilio è un Concilio, non si può disconoscerlo e non si può nemmeno disconoscere ciò che afferma.

Scusami fratello Magdi ma hai proprio ingranato la marcia sbagliata e me ne dispiaccio… penso che nelle mie preghiere mi ricorderò di te. Pregherò per una tua nuova conversione, una conversione sincera questa volta!

Ti lascio però un consiglio: leggiti e medita il Catechismo della Chiesa Cattolica perché ti farà molto bene… penso che tu non l’abbia mai letto! Forse hai studiato su quello di San Pio X, che nei suoi contenuti è anche utile ma non è sufficiente.

Intensificare il dialogo con l’Islam!

Schermata 2013-03-22 alle 12.00.03

Il Papa parla agli ambasciatori, ma una sua frase viene subito strumentalizzata: “più dialogo con l’Islam” capeggia sulle testate giornalistiche… facciamo attenzione a leggere con correttezza le Parole di Francesco. Dialogare è una delle prassi principali della Chiesa nei confronti delle altre religioni e Francesco dialoga con la stessa puntualità che hanno messo in atto tutti i suoi predecessori. Hanno fatto un confronto del Papa con San Francesco che va dai saraceni a predicare Cristo, ma non dimentichiamo che Francesco d’Assisi si reca dal sultano col desiderio di convertire i mussulmani ed eventualmente ottenere il martirio come tanti suoi compagni.

Non c’è mai stata nella Chiesa la tentazione o la tendenza di scendere a compromessi con le altre religioni e non lo si può fare nemmeno ora; si può solo dialogare e questo è doveroso ma il dialogo si esprime con il confronto e la ricerca delle “cose comuni” non si esprime con un facile compromesso a “tarallucci e vino” o con dei sincretismi insensati.

Papa Francesco afferma certamente la necessità di maggior dialogo con l’Islam ma in un contesto ben preciso che è quello che Benedetto XVI chiama la “dittatura del relativismo” e che lui stesso cita, ovvero una società senza Dio. Per questo motivo le fedi monosteiste hanno un “nemico comune” da combattere: questo è il richiamo al maggior dialogo e non è certo un dover condividerne i punti di vista!

Tuttavia vorrei far notare che anche Papa Benedetto ha affermato più volte le stesse necessità, solo che di Papa Benedetto si guardavano solamente le scarpe che indossava e l’anello d’oro… questo Papa invece rischia di essere strumentalizzato dai media in modo diverso ma con le stesse tecniche.

Cristiani cattolici e romani, facciamo attenzione! Preghiamo per il Papa e per la Chiesa e non diamo credito alle falsità e alle mosse tendenziose.

Eccellenze,
Signore e Signori,

Ringrazio di cuore il vostro Decano, Ambasciatore Jean-Claude Michel, per le belle parole che mi ha rivolto a nome di tutti e con gioia vi accolgo per questo scambio di saluti, semplice ma nello stesso tempo intenso, che vuole essere idealmente l’abbraccio del Papa al mondo. Attraverso di voi, infatti, incontro i vostri popoli, e così posso, in un certo senso, raggiungere ciascuno dei vostri concittadini, con le sue gioie, i suoi drammi, le sue attese, i suoi desideri.

La vostra numerosa presenza è anche un segno che le relazioni che i vostri Paesi intrattengono con la Santa Sede sono proficue, sono davvero un’occasione di bene per l’umanità. È questo, infatti, che sta a cuore alla Santa Sede: il bene di ogni uomo su questa terra! Ed è proprio con questo intendimento che il Vescovo di Roma inizia il suo ministero, sapendo di poter contare sull’amicizia e sull’affetto dei Paesi che voi rappresentate, e nella certezza che condividete tale proposito. Allo stesso tempo, spero sia anche l’occasione per intraprendere un cammino con quei pochi Paesi che ancora non intrattengono relazioni diplomatiche con la Santa Sede, alcuni dei quali – li ringrazio di cuore – hanno voluto essere presenti alla Messa per l’inizio del mio ministero, o hanno inviato messaggi come gesto di vicinanza.

Come sapete, ci sono vari motivi per cui ho scelto il mio nome pensando a Francesco di Assisi, una personalità che è ben nota al di là dei confini dell’Italia e dell’Europa e anche tra coloro che non professano la fede cattolica. Uno dei primi è l’amore che Francesco aveva per i poveri. Quanti poveri ci sono ancora nel mondo! E quanta sofferenza incontrano queste persone! Sull’esempio di Francesco d’Assisi, la Chiesa ha sempre cercato di avere cura, di custodire, in ogni angolo della Terra, chi soffre per l’indigenza e penso che in molti dei vostri Paesi possiate constatare la generosa opera di quei cristiani che si adoperano per aiutare i malati, gli orfani, i senzatetto e tutti coloro che sono emarginati, e che così lavorano per edificare società più umane e più giuste.

Ma c’è anche un’altra povertà! È la povertà spirituale dei nostri giorni, che riguarda gravemente anche i Paesi considerati più ricchi. È quanto il mio Predecessore, il caro e venerato Benedetto XVI, chiama la “dittatura del relativismo”, che lascia ognuno come misura di se stesso e mette in pericolo la convivenza tra gli uomini. E così giungo ad una seconda ragione del mio nome. Francesco d’Assisi ci dice: lavorate per edificare la pace! Ma non vi è vera pace senza verità! Non vi può essere pace vera se ciascuno è la misura di se stesso, se ciascuno può rivendicare sempre e solo il proprio diritto, senza curarsi allo stesso tempo del bene degli altri, di tutti, a partire dalla natura che accomuna ogni essere umano su questa terra.

Uno dei titoli del Vescovo di Roma è Pontefice, cioè colui che costruisce ponti, con Dio e tra gli uomini. Desidero proprio che il dialogo tra noi aiuti a costruire ponti fra tutti gli uomini, così che ognuno possa trovare nell’altro non un nemico, non un concorrente, ma un fratello da accogliere ed abbracciare! Le mie stesse origini poi mi spingono a lavorare per edificare ponti. Infatti, come sapete la mia famiglia è di origini italiane; e così in me è sempre vivo questo dialogo tra luoghi e culture fra loro distanti, tra un capo del mondo e l’altro, oggi sempre più vicini, interdipendenti, bisognosi di incontrarsi e di creare spazi reali di autentica fraternità.

In quest’opera è fondamentale anche il ruolo della religione. Non si possono, infatti, costruire ponti tra gli uomini, dimenticando Dio. Ma vale anche il contrario: non si possono vivere legami veri con Dio, ignorando gli altri. Per questo è importante intensificare il dialogo fra le varie religioni, penso anzitutto a quello con l’Islam, e ho molto apprezzato la presenza, durante la Messa d’inizio del mio ministero, di tante Autorità civili e religiose del mondo islamico. Ed è pure importante intensificare il confronto con i non credenti, affinché non prevalgano mai le differenze che separano e feriscono, ma, pur nella diversità, vinca il desiderio di costruire legami veri di amicizia tra tutti i popoli.

Lottare contro la povertà sia materiale, sia spirituale; edificare la pace e costruire ponti. Sono come i punti di riferimento di un cammino al quale desidero invitare a prendere parte ciascuno dei Paesi che rappresentate. Un cammino difficile però, se non impariamo sempre più ad amare questa nostra Terra. Anche in questo caso mi è di aiuto pensare al nome di Francesco, che insegna un profondo rispetto per tutto il creato, il custodire questo nostro ambiente, che troppo spesso non usiamo per il bene, ma sfruttiamo avidamente a danno l’uno dell’altro.

Cari Ambasciatori,
Signore e Signori,

grazie ancora per tutto il lavoro che svolgete, insieme alla Segreteria di Stato, per costruire la pace ed edificare ponti di amicizia e di fraternità. Attraverso di voi, desidero rinnovare ai vostri Governi il mio grazie per la loro partecipazione alle celebrazioni in occasione della mia elezione, con l’auspicio di un fruttuoso lavoro comune. Il Signore Onnipotente ricolmi dei suoi doni ciascuno di voi, le vostre famiglie e i popoli che rappresentate. Grazie!

“Un saluto al mio Fratello Andrea…”: Il Papa incontra i rappresentanti delle altre Chiese e Religioni

21_6_are_f1_126_a_resize_526_394

Papa Francesco cita la grande figura di Giovanni XXIII, il Papa del Concilio, in occasione dell’incontro ecumenico con i rappresentanti delle Chiese Cattoliche e con quelle delle altre fedi religiose. Una citazione opportuna poiché il primo impulso efficace verso l’ecumenismo è stato uno dei frutti del Concilio Vaticano II che in quest’anno delle fede voluto da Benedetto XVI si sta rivisitando con fervore. Che il Santo Padre possa proseguire sulla strada verso l’unità e il dialogo con chi non ha accolto la fede in Cristo.

Cari fratelli e sorelle,

Prima di tutto ringrazio di cuore quello che il mio Fratello Andrea ci ha detto. Grazie tante! Grazie tante!

È motivo di particolare gioia incontrarmi oggi con voi, Delegati delle Chiese Ortodosse, delle Chiese Ortodosse Orientali e delle Comunità ecclesiali di Occidente. Vi ringrazio per avere voluto prendere parte alla celebrazione che ha segnato l’inizio del mio ministero di Vescovo di Roma e Successore di Pietro.

Ieri mattina, durante la Santa Messa, attraverso le vostre persone ho riconosciuto spiritualmente presenti le comunità che rappresentate. In questa manifestazione di fede mi è parso così di vivere in maniera ancor più pressante la preghiera per l’unità tra i credenti in Cristo e insieme di vederne in qualche modo prefigurata quella piena realizzazione, che dipende dal piano di Dio e dalla nostra leale collaborazione.

Inizio il mio ministero apostolico durante quest’anno che il mio venerato predecessore, Benedetto XVI, con intuizione veramente ispirata, ha proclamato per la Chiesa cattolica Anno della fede. Con questa iniziativa, che desidero continuare e spero sia di stimolo per il cammino di fede di tutti, egli ha voluto segnare il 50° anniversario dell’inizio del Concilio Vaticano II, proponendo una sorta di pellegrinaggio verso ciò che per ogni cristiano rappresenta l’essenziale: il rapporto personale e trasformante con Gesù Cristo, Figlio di Dio, morto e risorto per la nostra salvezza. Proprio nel desiderio di annunciare questo tesoro perennemente valido della fede agli uomini del nostro tempo, risiede il cuore del messaggio conciliare.

Insieme con voi non posso dimenticare quanto quel Concilio abbia significato per il cammino ecumenico. Mi piace ricordare le parole che il beato Giovanni XXIII, di cui ricorderemo tra breve il 50° della scomparsa, pronunciò nel memorabile discorso di inaugurazione: «La Chiesa Cattolica ritiene suo dovere adoperarsi attivamente perché si compia il grande mistero di quell’unità che Cristo Gesù con ardentissime preghiere ha chiesto al Padre Celeste nell’imminenza del suo sacrificio; essa gode di pace soavissima, sapendo di essere intimamente unita a Cristo in quelle preghiere» (AAS 54 [1962], 793). Questo Papa Giovanni.

Sì, cari fratelli e sorelle in Cristo, sentiamoci tutti intimamente uniti alla preghiera del nostro Salvatore nell’Ultima Cena, alla sua invocazione: ut unum sint. Chiediamo al Padre misericordioso di vivere in pienezza quella fede che abbiamo ricevuto in dono nel giorno del nostro Battesimo, e di poterne dare testimonianza libera, gioiosa e coraggiosa. Sarà questo il nostro migliore servizio alla causa dell’unità tra i cristiani, un servizio di speranza per un mondo ancora segnato da divisioni, da contrasti e da rivalità. Più saremo fedeli alla sua volontà, nei pensieri, nelle parole e nelle opere, e più cammineremo realmente e sostanzialmente verso l’unità.

Da parte mia, desidero assicurare, sulla scia dei miei Predecessori, la ferma volontà di proseguire nel cammino del dialogo ecumenico e ringrazio sin d’ora il Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, per l’aiuto che continuerà ad offrire, in mio nome, per questa nobilissima causa. Vi chiedo, cari fratelli e sorelle, di portare il mio cordiale saluto e l’assicurazione del mio ricordo nel Signore Gesù alle Chiese e Comunità cristiane che qui rappresentate, e domando a voi la carità di una speciale preghiera per la mia persona, affinché possa essere un Pastore secondo il cuore di Cristo.

Ed ora mi rivolgo a voi distinti rappresentanti del popolo ebraico, al quale ci lega uno specialissimo vincolo spirituale, dal momento che, come afferma il Concilio Vaticano II, «la Chiesa di Cristo riconosce che gli inizi della sua fede e della sua elezione si trovano già, secondo il mistero divino della salvezza, nei patriarchi, in Mosè, e nei profeti» (Dich. Nostra aetate, 4). Vi ringrazio della vostra presenza e confido che, con l’aiuto dell’Altissimo, potremo proseguire proficuamente quel fraterno dialogo che il Concilio auspicava (cfr ibid.) e che si è effettivamente realizzato, portando non pochi frutti, specialmente nel corso degli ultimi decenni.

Saluto poi e ringrazio cordialmente tutti voi, cari amici appartenenti ad altre tradizioni religiose; innanzitutto i Musulmani, che adorano Dio unico, vivente e misericordioso, e lo invocano nella preghiera, e voi tutti. Apprezzo molto la vostra presenza: in essa vedo un segno tangibile della volontà di crescere nella stima reciproca e nella cooperazione per il bene comune dell’umanità.

La Chiesa cattolica è consapevole dell’importanza che ha la promozione dell’amicizia e del rispetto tra uomini e donne di diverse tradizioni religiose – questo voglio ripeterlo: promozione dell’amicizia e del rispetto tra uomini e donne di diverse tradizioni religiose – lo attesta anche il prezioso lavoro che svolge il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso. Essa è ugualmente consapevole della responsabilità che tutti portiamo verso questo nostro mondo, verso l’intero creato, che dobbiamo amare e custodire. E noi possiamo fare molto per il bene di chi è più povero, di chi è debole e di chi soffre, per favorire la giustizia, per promuovere la riconciliazione, per costruire la pace. Ma, soprattutto, dobbiamo tenere viva nel mondo la sete dell’assoluto, non permettendo che prevalga una visione della persona umana ad una sola dimensione, secondo cui l’uomo si riduce a ciò che produce e a ciò che consuma: è questa una delle insidie più pericolose per il nostro tempo.

Sappiamo quanta violenza abbia prodotto nella storia recente il tentativo di eliminare Dio e il divino dall’orizzonte dell’umanità, e avvertiamo il valore di testimoniare nelle nostre società l’originaria apertura alla trascendenza che è insita nel cuore dell’uomo. In ciò, sentiamo vicini anche tutti quegli uomini e donne che, pur non riconoscendosi appartenenti ad alcuna tradizione religiosa, si sentono tuttavia in ricerca della verità, della bontà e della bellezza, questa verità, bontà e bellezza di Dio, e che sono nostri preziosi alleati nell’impegno a difesa della dignità dell’uomo, nella costruzione di una convivenza pacifica fra i popoli e nel custodire con cura il creato.

Cari amici, grazie ancora per la vostra presenza. A tutti vada il mio cordiale e fraterno saluto.

Quando Emma Bonino praticava gli aborti

aborto6

Cito e riporto testualmente questo articolo dal Blog di Giovanni Palombi. Non mi piace fare politica, non mi interessa fare politica ma tuttavia questo politico ha scritto un articolo interessante, assolutamente utile per capire che razza di donna sia Emma Bonino.

Se ogni politico nasconde qualche scheletro nell’armadio, Emma Bonino cela un cimitero di 10 mila bambini non nati e da lei spesso personalmente eliminati con una indifferenza orgogliosa e agghiacciante. Negli anni ‘74-75, quelli in cui infiamma la battaglia che poterà alla legge 194, la Bonino diviene con Adele Faccio una leader di quella che ancora oggi Marco Pannella chiama una “battaglia per i diritti civili”.

Soprattutto, fonda il Cisa e si fa promotrice dell’aborto “per aspirazione”, alternativa pratica ed economica ai “cucchiai d’oro”, cioè agli infami interventi compiuti – fuorilegge ma dietro prezzolatissima parcella – da alcuni medici o praticono nostrani. Quello mostrato dalla foto è proprio un intervento di quel tipo, eseguito con la pompa di bicicletta davanti al fotografo al quale la giovane e bella militante rivolge il suo sorriso. Il metodo è chiamato Karman e normalmente viene eseguito con un aspiratore elettrico, che però costa “un mucchio di quattrini e poi pesa a trasportarlo nelle case per fare aborti nelle case”. Così spiega la deputata radicale alla giornalista Neera Fallaci di Oggi, mostrando gli oggetti accanto a lei (a sinistra nella foto), bastano una pompa da bicicletta, un dilatatore di plastica e un vaso dentro cui si fa il vuoto e in cui finisce “il contenuto dell’utero”. Un kit per il fai-da-te, come oggi usano fare le iper-femministe per ingravidarsi da sole. “Io – spiega Emma – uso un barattolo da un chilo che aveva contenuto della marmellata. Alle donne non importa nulla che io non usi un vaso acquistato in un negozio di sanitari, anzi è un buon motivo per farsi quattro risate”. Un’allegra scampagnata: “L’essenziale per le donne è fare l’aborto senza pericolo e senza soffrire, non sentirsi sole e angosciate”. Già perché mai? “Entro il secondo mese non ci sono problemi: si può fare il self-help, l’auto assistenza, un discorso rivoluzionario delle femministe francesi e italiane. Dopo il secondo mese mandiamo le donne a Londra”. La Bonino, oltre a essersi sottoposta a un aborto clandestino, tramite il Cisa nel 1975 ha eseguito in Italia e a Londra, in dieci mesi, 10.141 aborti. Cioè diecimila omicidi, secondo la legge vigente all’epoca. Per sua stessa ammissione.

Ministero Petrino con un po’ di nostalgia

1363602919774Papa-Francesco

Riporto per intero un articolo comparso su un sito di informazione religiosa e in seguito una mia piccola considerazione.

Lasciatemelo dire francamente: senza nulla togliere a Papa Francesco, non c’è dubbio che la nostalgia di Benedetto oggi si è fatta sentire tanto tanto. Papa Francesco mi appariva intimorito, quasi bloccato dalla immensità del compito che la folla e le personalità oggi a San Pietro oggettivamente gli manifestavano. Anche nel giro della piazza si rifugiava nei gesti consueti e affettuosi a cui è abituato: bravissimo nei contatti personali, non riesce ancora ad entrare pienamente in sintonia con la folla, nel ruolo di Successore di Pietro, Papa di Roma e della Chiesa universale, e a reagire alle masse che inneggiano: “W il Papa”. Quasi arrosisce.

Mi ha poi sorpreso non poco anche oggi: ha ricordato giustamente nell’omelia che il vescovo di Roma deve servire e ha detto: “Non dimentichiamo mai che il vero potere è il servizio e che anche il Papa per esercitare il potere deve entrare sempre più in quel servizio che ha il suo vertice luminoso sulla Croce“, ha fatto tornare le parole servizio servire per ben 5 volte, ma non ha colto l’occasione per menzionare il più bel titolo del Sommo Pontefice: “Servo dei Servi di Dio“, titolo antico quanto Gregorio Magno eppure assolutamente contemporaneo. Ha usato solo una volta la parola “Papa”, mai Pontefice. Non credo che sia umiltà o modestia, è piuttosto consapevolezza schiacciante del peso del ministero che gli si apre innanzi, e quasi quasi non vuole nominarlo.

Secondo il mio parere – che condivido con Magister – Papa Francesco sarà piano piano plasmato dall’Ufficio che ha assunto (e sicuramente l’ha assunto suo malgrado). Ratzinger, quando divenne Papa, era già pronto, non aveva bisogno di abituarsi alle folle o alla Curia romana, ai cerimoniali e ai cerimonieri, e per questo poteva fin da subito tracciare con forza, fin dalle prime omelie, il suo progetto pastorale e le sue priorità per la Chiesa, affermando: “pregate perché non fugga davanti ai lupi!”.
L’omelia di Papa Benedetto per l’inizio del suo Ministero Petrino fu costellata non a caso da 35 applausi. Sembrava a momenti che non riuscisse più ad andare avanti. Certo venivamo da un clima “alla Giovanni Paolo II”, dove tutto ciò che circondava il Papa era entusiasmo Dopo la morte del grande pastore polacco e lo smarrimento dei fedeli, avere un nuovo Pastore fu come riemergere dalla notte.
Papa Francesco si pone invece molto più timidamente di Benedetto nei confronti dello stesso Ufficio, anche quando dice cose forti e chiare. Pare quasi abbia timore di sollecitare l’applauso (ne abbiamo sentiti appena 8) o di muovere le mani all’assemblea per farla gioire (Mons. Marini ha dovuto perfino richiamare l’attenzione del Papa sugli astanti al termine della celebrazione). Credo che ancora non riesca a distinguere la sua persona dall’ufficio petrino che ormai la possiede, l’onore dato a Bergoglio e quello che è invece destinato a Papa Francesco. Per questo – sempre a mio parere – tende a rifiutare certi simboli: perché nella sua mentalità tipicamente gesuitica, sono onori che non vanno cercati, anzi rifuggiti. Ma di certo sant’Ignazio non si immaginava un suo figlio elevato al Pontificato! Ci vorrà un po’, ma piano piano anche Francesco capirà che al popolo interessa il Papa e il Papa vogliono salutare, ascoltare e riverire, non la persona che ne porta “pro tempore” la carica.
I portatori dell’Ufficio passano, il Ministero di Pietro rimane essenziale e stabile per la Chiesa.

(Testo preso da: Messe di inaugurazione del Ministero Petrino… con un po’ di nostalgia http://www.cantualeantonianum.com/2013/03/messe-di-inaugurazione-del-ministero.html#ixzz2O4kPen2A
http://www.cantualeantonianum.com)

Confesso che guardando la celebrazione mi sono detto: – cavolo, va bene la sobrietà ma qualche paramento un po’ più solenne, senza scadere nell’eccesso, potevi sceglierlo! Tuttavia condivido l’opinione dell’articolista: è un gesuita e ha come sua prerogativa quella di fuggire dagli onori. Credo che siamo chiamati a rispettare questa sua scelta così come dovevamo rispettare il valore simbolico dei segni con i quali aveva deciso di fregiarsi Papa Benedetto XVI (che aveva le sue buone ragioni e ne sono convinto). Sicuramente però va tolto dallo scaffale del “pauperismo” nel quale lo hanno collocato in questi giorni perché le sue scelte di sobrietà non corrispondo certamente a questo. Bergoglio è un uomo umile, arriva da un Paese povero e ha delle abitudini che non sono le nostre e quindi leggerlo in chiave “pauperista” è solamente un errore e corrisponde a forme di ideologiche di pensiero.

Mi ha messo un po’ di piacevole tristezza dover condividere da spettatore queste scelte, ma tristezza per lui  e per le rinunce che fa, non per le scelte stesse! Ogni Papa qualunque scelta faccia avrà sempre degli oppositori. Sta a noi valorizzare le sue parole e non le scarpe che porta o quale anello piscatorio ha deciso di usare. L’unica cosa che non condivido dell’articolo è la considerazione della sua timidezza o i riferimenti alla sua personalità o pensieri… credo che nessuno di noi sia nella testa del Papa per poter affermare certe cose. A me non è sembrato un Papa timido ma tutt’altro! Non mi è parso neanche che abbia cercato di sminuire il peso e la portata del papato, anzi con molta umiltà sta cercando di ricollocarlo ad un gradino giù dal trono per rimetterlo in relazione alla Chiesa Universale e non ad una monarchia assoluta del Sommo Pontefice. In aggiunta vorrei esprimere il mio dissenso sull’affermazione che vuole evidenziare che il Papa si è dimenticato del termine “Servo dei servi”, non ha forse parlato di servizio del Pontefice? A Papa Francesco, lo si nota, non piacciono i titoli ma i concetti li esprime ugualmente in maniera forte. Forse non si è notato che accanto a lui sedevano i “potenti del mondo”… affermare che il vero potere è servire mi è sembrata una pugnalata diritta al cuore di ognuno di loro (ovviamente è un mio parere) e se non è coraggio questo che cos’è?

 Concludo e aggiungo questa considerazione: certa gente sta pensando a chissà che cosa ma resterà delusa… il Papa, non solo questo Papa ma il Papa in generale, non darà mai spazio a cedimenti sui principi non negoziabili. Quindi tutte le belle disquisizioni circa i matrimoni gay, il preservativo, l’aborto e il sacerdozio alle donne torneranno da dove sono venuti: Papa Francesco è il Papa e non andrà mai contro il Vangelo.

Terrificante spot dell’IKEA

Accendo la TV ieri sera e resto inorridito da questo spot dell’IKEA.

Un filmato semplice che all’inizio può far sembrare le mie prime impressioni esagerate: un papà che prepara la cena e attende l’arrivo della figlia e della moglie, ma quando suona la porta la bambina entra e drammaticamente si siede a tavola con il papà lasciando la mamma fuori dalla porta.

Una scena certamente comune in molte situazioni famigliari odierne di genitori separati o divorziati, ma permettetemi alcuni piccoli rilievi che mi hanno permesso di definire questo spot “terrificante”.

  1. La pubblicità rileva palesemente come stanno andando le cose oggi… la famiglia disgregata e l’operazione anti-famiglia messa in atto da chi ci governa, da chi ha tirato i fili del teatrino fino ad oggi (e non ha smesso), da chi intende distruggere il concetto cristiano e naturale di “famiglia”;
  2. Brutto, ma veramente brutto che un’azienda come IKEA faccia della tragedia famigliare un’occasione per vendere i propri prodotti e, attraverso immagini di “mesta serenità” (scusate il paradosso ma è evidente dagli sguardi che i due si danno quando la figlia grida “papà”) sotto sotto ci dica che tutto sommato le cose stanno così e dobbiamo rasserenarci e prenderle come viene semplicemente nell’ottica di “cambiare vita” e “ricominciare da capo”;
  3. Bello (si fa per dire) che questa pubblicità faccia la sua apparizione proprio in occasione della festa cristiana di S. Giuseppe, ovvero la “tradizionale festa del papà”.

Non faccio torto all’IKEA perché siamo veramente alla frutta o forse al caffè, ma credo che come cristiani non si debba “calar le brache” ma riempirsi di santa ira davanti a queste cose e ribadire che ci sono, sono sbagliate e sono una sofferenza per tutti: mamme, papà e soprattutto i bambini! Non sono una “nuova possibilità di vita” ma sono la distruzione della famiglia e se purtroppo ci sono devono essere trattate con rispetto e non trasformate dalla pubblicità in una nuova versione della “famiglia Barilla” dove tutti sono felici e contenti, ma  poi nella realtà abbiamo solo tristezze e angosce.

Il Papa ci ricorda il compito arduo di “custodire”

Messa inaugurale del pontificato

Nell’omelia di inizio pontificato Papa Francesco ci fa memoria del compito di ogni cristiano riferito alla “custodia”, un compito antico che risale ai primordi dell’umanità quando Dio diede il mondo in custodia ad Adamo e quindi all’umanità intera (come la parola ebraica ha-adam letteralmente si traduce).

Custodire è un compito difficile perché implica l’avere nel cuore la Parola di Dio, il Progetto di Dio, i fratelli, il mondo, il creato…

Ma ascoltiamo direttamente le parole del Papa che sono molto profonde e significative in una società che ha perso ogni cosa e ha perso anche la facoltà di custodire se stessa e di preservarsi dal male.

Cari fratelli e sorelle!

Ringrazio il Signore di poter celebrare questa Santa Messa di inizio del ministero petrino nella solennità di San Giuseppe, sposo della Vergine Maria e patrono della Chiesa universale: è una coincidenza molto ricca di significato, ed è anche l’onomastico del mio venerato Predecessore: gli siamo vicini con la preghiera, piena di affetto e di riconoscenza.

Con affetto saluto i Fratelli Cardinali e Vescovi, i sacerdoti, i diaconi, i religiosi e le religiose e tutti i fedeli laici. Ringrazio per la loro presenza i Rappresentanti delle altre Chiese e Comunità ecclesiali, come pure i rappresentanti della comunità ebraica e di altre comunità religiose. Rivolgo il mio cordiale saluto ai Capi di Stato e di Governo, alle Delegazioni ufficiali di tanti Paesi del mondo e al Corpo Diplomatico.

Abbiamo ascoltato nel Vangelo che «Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’Angelo del Signore e prese con sé la sua sposa» (Mt 1,24). In queste parole è già racchiusa la missione che Dio affida a Giuseppe, quella di essere custos, custode. Custode di chi? Di Maria e di Gesù; ma è una custodia che si estende poi alla Chiesa, come ha sottolineato il beato Giovanni Paolo II: «San Giuseppe, come ebbe amorevole cura di Maria e si dedicò con gioioso impegno all’educazione di Gesù Cristo, così custodisce e protegge il suo mistico corpo, la Chiesa, di cui la Vergine Santa è figura e modello» (Esort. ap. Redemptoris Custos, 1).

Come esercita Giuseppe questa custodia? Con discrezione, con umiltà, nel silenzio, ma con una presenza costante e una fedeltà totale, anche quando non comprende. Dal matrimonio con Maria fino all’episodio di Gesù dodicenne nel Tempio di Gerusalemme, accompagna con premura e tutto l’amore ogni momento. E’ accanto a Maria sua sposa nei momenti sereni e in quelli difficili della vita, nel viaggio a Betlemme per il censimento e nelle ore trepidanti e gioiose del parto; nel momento drammatico della fuga in Egitto e nella ricerca affannosa del figlio al Tempio; e poi nella quotidianità della casa di Nazaret, nel laboratorio dove ha insegnato il mestiere a Gesù.

Come vive Giuseppe la sua vocazione di custode di Maria, di Gesù, della Chiesa? Nella costante attenzione a Dio, aperto ai suoi segni, disponibile al suo progetto, non tanto al proprio; ed è quello che Dio chiede a Davide, come abbiamo ascoltato nella prima Lettura: Dio non desidera una casa costruita dall’uomo, ma desidera la fedeltà alla sua Parola, al suo disegno; ed è Dio stesso che costruisce la casa, ma di pietre vive segnate dal suo Spirito. E Giuseppe è “custode”, perché sa ascoltare Dio, si lascia guidare dalla sua volontà, e proprio per questo è ancora più sensibile alle persone che gli sono affidate, sa leggere con realismo gli avvenimenti, è attento a ciò che lo circonda, e sa prendere le decisioni più sagge. In lui, cari amici, vediamo come si risponde alla vocazione di Dio, con disponibilità, con prontezza, ma vediamo anche qual è il centro della vocazione cristiana: Cristo! Custodiamo Cristo nella nostra vita, per custodire gli altri, per custodire il creato!

La vocazione del custodire, però, non riguarda solamente noi cristiani, ha una dimensione che precede e che è semplicemente umana, riguarda tutti. E’ il custodire l’intero creato, la bellezza del creato, come ci viene detto nel Libro della Genesi e come ci ha mostrato san Francesco d’Assisi: è l’avere rispetto per ogni creatura di Dio e per l’ambiente in cui viviamo. E’ il custodire la gente, l’aver cura di tutti, di ogni persona, con amore, specialmente dei bambini, dei vecchi, di coloro che sono più fragili e che spesso sono nella periferia del nostro cuore. E’ l’aver cura l’uno dell’altro nella famiglia: i coniugi si custodiscono reciprocamente, poi come genitori si prendono cura dei figli, e col tempo anche i figli diventano custodi dei genitori. E’ il vivere con sincerità le amicizie, che sono un reciproco custodirsi nella confidenza, nel rispetto e nel bene. In fondo, tutto è affidato alla custodia dell’uomo, ed è una responsabilità che ci riguarda tutti. Siate custodi dei doni di Dio!

E quando l’uomo viene meno a questa responsabilità di custodire, quando non ci prendiamo cura del creato e dei fratelli, allora trova spazio la distruzione e il cuore inaridisce. In ogni epoca della storia, purtroppo, ci sono degli “Erode” che tramano disegni di morte, distruggono e deturpano il volto dell’uomo e della donna.

Vorrei chiedere, per favore, a tutti coloro che occupano ruoli di responsabilità in ambito economico, politico o sociale, a tutti gli uomini e le donne di buona volontà: siamo “custodi” della creazione, del disegno di Dio iscritto nella natura, custodi dell’altro, dell’ambiente; non lasciamo che segni di distruzione e di morte accompagnino il cammino di questo nostro mondo! Ma per “custodire” dobbiamo anche avere cura di noi stessi! Ricordiamo che l’odio, l’invidia, la superbia sporcano la vita! Custodire vuol dire allora vigilare sui nostri sentimenti, sul nostro cuore, perché è proprio da lì che escono le intenzioni buone e cattive: quelle che costruiscono e quelle che distruggono! Non dobbiamo avere paura della bontà, anzi neanche della tenerezza!

E qui aggiungo, allora, un’ulteriore annotazione: il prendersi cura, il custodire chiede bontà, chiede di essere vissuto con tenerezza. Nei Vangeli, san Giuseppe appare come un uomo forte, coraggioso, lavoratore, ma nel suo animo emerge una grande tenerezza, che non è la virtù del debole, anzi, al contrario, denota fortezza d’animo e capacità di attenzione, di compassione, di vera apertura all’altro, capacità di amore. Non dobbiamo avere timore della bontà, della tenerezza!

Oggi, insieme con la festa di san Giuseppe, celebriamo l’inizio del ministero del nuovo Vescovo di Roma, Successore di Pietro, che comporta anche un potere. Certo, Gesù Cristo ha dato un potere a Pietro, ma di quale potere si tratta? Alla triplice domanda di Gesù a Pietro sull’amore, segue il triplice invito: pasci i miei agnelli, pasci le mie pecorelle. Non dimentichiamo mai che il vero potere è il servizio e che anche il Papa per esercitare il potere deve entrare sempre più in quel servizio che ha il suo vertice luminoso sulla Croce; deve guardare al servizio umile, concreto, ricco di fede, di san Giuseppe e come lui aprire le braccia per custodire tutto il Popolo di Dio e accogliere con affetto e tenerezza l’intera umanità, specie i più poveri, i più deboli, i più piccoli, quelli che Matteo descrive nel giudizio finale sulla carità: chi ha fame, sete, chi è straniero, nudo, malato, in carcere (cfr Mt 25,31-46). Solo chi serve con amore sa custodire!

Nella seconda Lettura, san Paolo parla di Abramo, il quale «credette, saldo nella speranza contro ogni speranza» (Rm 4,18). Saldo nella speranza, contro ogni speranza! Anche oggi davanti a tanti tratti di cielo grigio, abbiamo bisogno di vedere la luce della speranza e di dare noi stessi la speranza. Custodire il creato, ogni uomo ed ogni donna, con uno sguardo di tenerezza e amore, è aprire l’orizzonte della speranza, è aprire uno squarcio di luce in mezzo a tante nubi, è portare il calore della speranza! E per il credente, per noi cristiani, come Abramo, come san Giuseppe, la speranza che portiamo ha l’orizzonte di Dio che ci è stato aperto in Cristo, è fondata sulla roccia che è Dio.

Custodire Gesù con Maria, custodire l’intera creazione, custodire ogni persona, specie la più povera, custodire noi stessi: ecco un servizio che il Vescovo di Roma è chiamato a compiere, ma a cui tutti siamo chiamati per far risplendere la stella della speranza: Custodiamo con amore ciò che Dio ci ha donato!

Chiedo l’intercessione della Vergine Maria, di san Giuseppe, dei santi Pietro e Paolo, di san Francesco, affinché lo Spirito Santo accompagni il mio ministero, e a voi tutti dico: pregate per me! Amen.

Miserando atque eligendo: lo stemma di Papa Francesco

StemmaPapaFrancesco_18-03-2013

LO SCUDO

 Nei tratti, essenziali, il Papa Francesco ha deciso di conservare il suo stemma anteriore, scelto fin dalla sua consacrazione episcopale e caratterizzato da una lineare semplicità.

Lo scudo blu è sormontato dai simboli della dignità pontificia, uguali a quelli voluti dal predecessore Benedetto XVI (mitra collocata tra chiavi decussate d’oro e d’argento, rilegate da un cordone rosso) . In alto, campeggia l’emblema dell’ordine di provenienza del Papa, la Compagnia di Gesù: un sole raggiante e fiammeggiante caricato dalle lettere, in rosso, IHS, monogramma di Cristo. La lettera H è sormontata da una croce; in punta, i tre chiodi in nero.

In basso, si trovano la stella e il fiore di nardo. La stella, secondo l’antica tradizione araldica, simboleggia la Vergine Maria, madre di Cristo e della Chiesa; mentre il fiore di nardo indica San Giuseppe, patrono della Chiesa universale. Nella tradizione iconografica ispanica, infatti, San Giuseppe è raffigurato con un ramo di nardo in mano. Ponendo nel suo scudo tali immagini, il Papa ha inteso esprimere la propria particolare devozione verso la Vergine Santissima e San Giuseppe.

II MOTTO

Il motto del Santo Padre Francesco è tratto dalle Omelie di San Beda il Venerabile, sacerdote (Om. 21; CCL 122, 149-151), il quale, commentando l’episodio evangelico della vocazione di San Matteo, scrive: “Vidit ergo lesus publicanum et quia miserando atque eligendo vidit, ait illi Sequere me” (Vide Gesù un pubblicano e siccome lo guardò con sentimento di amore e lo scelse, gli disse: Seguimi).

Questa omelia è un omaggio alla misericordia divina ed è riprodotta nella Liturgia delle Ore della festa di San Matteo. Essa riveste un significato particolare nella vita e nell’itinerario spirituale del Papa. Infatti, nella festa di San Matteo dell’anno 1953, il giovane Jorge Mario Bergoglio sperimentò, all’età di 17 anni, in un modo del tutto particolare, la presenza amorosa di Dio nella sua vita. In seguito ad una confessione, si sentì toccare il cuore ed avvertì la discesa della misericordia di Dio, che con sguardo di tenero amore, lo chiamava alla vita religiosa, sull’esempio di Sant’Ignazio di Loyola.

Una volta eletto Vescovo, S.E. Mons. Bergoglio, in ricordo di tale avvenimento che segnò gli inizi della sua totale consacrazione a Dio nella Sua Chiesa, decise di scegliere, come motto e programma di vita, l’espressione di San Beda miserando atque eligendo, che ha inteso riprodurre anche nel proprio stemma pontificio.

Il Signore non si stanca mai di perdonare

Newly elected Pope Francis is given a yellow Catholic faith bracelet following a meeting at the Vatican

Omelia di Papa Francesco nella V domenica di Quaresima

E’ bello questo: prima, Gesù solo sul monte, pregando. Pregava solo (cfr Gv 8,1). Poi, si recò di nuovo nel Tempio, e tutto il popolo andava da lui (cfr v. 2). Gesù in mezzo al popolo. E poi, alla fine, lo lasciarono solo con la donna (cfr v. 9). Quella solitudine di Gesù! Ma una solitudine feconda: quella della preghiera con il Padre e quella, tanto bella, che è proprio il messaggio di oggi della Chiesa, quella della sua misericordia con questa donna.

Anche c’è una differenza tra il popolo: C’era tutto il popolo che andava da lui; egli sedette e si mise ad insegnare loro: il popolo che voleva sentire le parole di Gesù, il popolo di cuore aperto, bisognoso della Parola di Dio. C’erano altri, che non sentivano niente, non potevano sentire; e sono quelli che sono andati con quella donna: Senti, Maestro, questa è una tale, è una quale … Dobbiamo fare quello che Mosè ci ha comandato di fare con queste donne (cfr vv. 4-5).

Anche noi credo che siamo questo popolo che, da una parte vuole sentire Gesù, ma dall’altra, a volte, ci piace bastonare gli altri, condannare gli altri. E il messaggio di Gesù è quello: la misericordia. Per me, lo dico umilmente, è il messaggio più forte del Signore: la misericordia. Ma Lui stesso l’ha detto: Io non sono venuto per i giusti; i giusti si giustificano da soli. Va’, benedetto Signore, se tu puoi farlo, io non posso farlo! Ma loro credono di poterlo fare. Io sono venuto per i peccatori (cfr Mc 2,17).

Pensate a quella chiacchiera dopo la vocazione di Matteo: Ma questo va con i peccatori! (cfr Mc 2,16). E Lui è venuto per noi, quando noi riconosciamo che siamo peccatori. Ma se noi siamo come quel fariseo, davanti all’altare: Ti ringrazio Signore, perché non sono come tutti gli altri uomini, e nemmeno come quello che è alla porta, come quel pubblicano (cfr Lc 18,11-12), non conosciamo il cuore del Signore, e non avremo mai la gioia di sentire questa misericordia! Non è facile affidarsi alla misericordia di Dio, perché quello è un abisso incomprensibile. Ma dobbiamo farlo! “Oh, padre, se lei conoscesse la mia vita, non mi parlerebbe così!”. “Perché?, cosa hai fatto?”. “Oh, ne ho fatte di grosse!”. “Meglio! Vai da Gesù: a Lui piace se gli racconti queste cose!”. Lui si dimentica, Lui ha una capacità di dimenticarsi, speciale. Si dimentica, ti bacia, ti abbraccia e ti dice soltanto: “Neanch’io ti condanno; va’, e d’ora in poi non peccare più” (Gv 8,11). Soltanto quel consiglio ti da. Dopo un mese, siamo nelle stesse condizioni… Torniamo al Signore. Il Signore mai si stanca di perdonare: mai! Siamo noi che ci stanchiamo di chiedergli perdono. E chiediamo la grazia di non stancarci di chiedere perdono, perché Lui mai si stanca di perdonare. Chiediamo questa grazia.

Se il Signore non perdonasse tutto, il mondo non esisterebbe!

Fratelli e sorelle, buongiorno!

Dopo il primo incontro di mercoledì scorso, oggi posso rivolgere di nuovo il mio saluto a tutti! E sono felice di farlo di domenica, nel giorno del Signore! Questo è bello è importante per noi cristiani: incontrarci di domenica, salutarci, parlarci come ora qui, nella piazza. Una piazza che, grazie ai media, ha le dimensioni del mondo.

In questa quinta domenica di Quaresima, il Vangelo ci presenta l’episodio della donna adultera (cfr Gv 8,1-11), che Gesù salva dalla condanna a morte. Colpisce l’atteggiamento di Gesù: non sentiamo parole di disprezzo, non sentiamo parole di condanna, ma soltanto parole di amore, di misericordia, che invitano alla conversione. “Neanche io ti condanno: va e d’ora in poi non peccare più!” (v. 11). Eh!, fratelli e sorelle, il volto di Dio è quello di un padre misericordioso, che sempre ha pazienza. Avete pensato voi alla pazienza di Dio, la pazienza che lui ha con ciascuno di noi? Quella è la sua misericordia. Sempre ha pazienza, pazienza con noi, ci comprende, ci attende, non si stanca di perdonarci se sappiamo tornare a lui con il cuore contrito. “Grande è la misericordia del Signore”, dice il Salmo.

In questi giorni, ho potuto leggere un libro di un Cardinale – il Cardinale Kasper, un teologo in gamba, un buon teologo – sulla misericordia. E mi ha fatto tanto bene, quel libro, ma non crediate che faccia pubblicità ai libri dei miei cardinali! Non è così! Ma mi ha fatto tanto bene, tanto bene … Il Cardinale Kasper diceva che sentire misericordia, questa parola cambia tutto. E’ il meglio che noi possiamo sentire: cambia il mondo. Un po’ di misericordia rende il mondo meno freddo e più giusto. Abbiamo bisogno di capire bene questa misericordia di Dio, questo Padre misericordioso che ha tanta pazienza … Ricordiamo il profeta Isaia, che afferma che anche se i nostri peccati fossero rossi scarlatti, l’amore di Dio li renderà bianchi come la neve. E’ bello, quello della misericordia! Ricordo, appena Vescovo, nell’anno 1992, è arrivata a Buenos Aires la Madonna di Fatima e si è fatta una grande Messa per gli ammalati. Io sono andato a confessare, a quella Messa. E quasi alla fine della Messa mi sono alzato, perché dovevo amministrare una cresima. E’ venuta da me una donna anziana, umile, molto umile, ultraottantenne. Io l’ho guardata e le ho detto: “Nonna – perché da noi si dice così agli anziani: nonna – lei vuole confessarsi?”. “Sì”, mi ha detto. “Ma se lei non ha peccato …”. E lei mi ha detto: “Tutti abbiamo peccati …”. “Ma forse il Signore non li perdona …”. “Il Signore perdona tutto”, mi ha detto: sicura. “Ma come lo sa, lei, signora?”. “Se il Signore non perdonasse tutto, il mondo non esisterebbe”. Io ho sentito una voglia di domandarle: “Mi dica, signora, lei ha studiato alla Gregoriana?”, perché quella è la sapienza che dà lo Spirito Santo: la sapienza interiore verso la misericordia di Dio. Non dimentichiamo questa parola: Dio mai si stanca di perdonarci, mai! “Eh, padre, qual è il problema?”. Eh, il problema è che noi ci stanchiamo, noi non vogliamo, ci stanchiamo di chiedere perdono. Lui mai si stanca di perdonare, ma noi, a volte, ci stanchiamo di chiedere perdono. Non ci stanchiamo mai, non ci stanchiamo mai! Lui è il Padre amoroso che sempre perdona, che ha quel cuore di misericordia per tutti noi. E anche noi impariamo ad essere misericordiosi con tutti. Invochiamo l’intercessione della Madonna che ha avuto tra le sue braccia la Misericordia di Dio fatta uomo.

Adesso tutti insieme preghiamo l’Angelus:

[preghiera dell’Angelus]

Rivolgo un cordiale saluto a tutti i pellegrini. Grazie della vostra accoglienza e delle vostre preghiere. Pregate per me, ve lo chiedo. Rinnovo il mio abbraccio ai fedeli di Roma e lo estendo a tutti voi, e lo estendo a tutti voi, che venite da varie parti dell’Italia e del mondo, come pure a quanti sono uniti a noi attraverso i mezzi di comunicazione. Ho scelto il nome del Patrono d’Italia, San Francesco d’Assisi, e ciò rafforza il mio legame spirituale con questa terra, dove – come sapete – sono le origini della mia famiglia. Ma Gesù ci ha chiamati a far parte di una nuova famiglia: la sua Chiesa, in questa famiglia di Dio, camminando insieme sulla via del Vangelo. Che il Signore vi benedica, che la Madonna vi custodisca. Non dimenticate questo: il Signore mai si stanca di perdonare! Siamo noi che ci stanchiamo di chiedere il perdono.

Buona domenica e buon pranzo!